Training device

Articoli sull'utilizzo delle nuove tecnologie e social media nella formazione, trasformazioni e frontiere

La formazione nell’era di IoE, tra pensiero breve e conoscenza globale

Il sapere democraticamente disponibile in Internet è autorevole? È autentico? Ha fonti attendibili? È fonte di informazione vera o di realtà inventata? E qual è il ruolo della formazione in questo contesto rivoluzionario?

di Rita Palumbo

Rita Palumbo è giornalista, docente ed imprenditrice. E’ stata redattrice, inviato e redattore capo di quotidiani nazionali, periodici economici e dei telegiornali del Gruppo Mediaset e direttore del progetto della tv satellitare a Il Sole 24Ore. Ha dato vita ad agenzie di consulenza di marketing e comunicazione. Attualmente è amministratore unico di WIP CONSULTING, società di consulenza per le strategie di sviluppo aziendale.





INTERNET OF EVERYTHING (IOE)

In un convegno organizzato a febbraio del 2015 da Asseprim, l’Associazione nazionale dei servizi professionali per le imprese di Confcommercio, Alberto Degradi, manager senior di Cisco Italia, espose un interessantissimo intervento sulle “trasformazioni” della vita quotidiana conseguenti alle applicazioni sempre più sofisticate della tecnologia digitale. Di seguito, alcuni dati che offrono elementi di riflessioni su temi ancora inesplorati utili ad una riflessione su metodologie e modelli anche della formazione del futuro prossimo venturo. Nel 2010 la popolazione mondiale era di 6,8 miliardi di individui; nel 2015 ha raggiunto i 7,2 miliardi, nel 2020 il nostro pianeta sarà abitato da 7,6 miliardi di persone. Nel 2010 i devices,ovvero i dispositivi utilizzati per navigare in Internet, erano circa 10 miliardi e nel 2015 sono più che raddoppiati, superando i 24 miliardi; nel 2020, fra meno di 5 anni, le proiezioni indicano che i 7,6 miliardi di persone che abiteranno la Terra useranno 50 miliardi di “smart object”. Il che significa, facendo una media per difetto, che ognuno di noi sarà collegato alla Rete con oltre 6 devices, generando un’interconnessione planetaria in costante aumento. Lavoreremo, produrremo e ci relazioneremo in Rete perché vivremo una nuova fase evolutiva, Internet of Everything, IoE, ovvero la connessione tra persone, processi, dati e cose. L’intelligenza (artificiale) sarà ovunque, superando qualsiasi barriera. E l’uomo, come nelle storie di fantascienza di raffinata cinematografia, sarà un tutt’uno con le macchine. Alberto Degradi nel suo intervento precisò: “IoE connette persone, processi, dati e oggetti e rende le connessioni di rete sempre più rilevanti e preziose, trasformando le informazioni in azioni che creano nuove possibilità, esperienze più ricche e opportunità economiche senza precedenti per aziende, individui e nazioni…. Raggiungeremo un nuovo livello di conoscenza”.


INFORMAZIONE, NON CULTURA E CONOSCENZA

Tralasciamo le questioni di natura etica che rivoluzioni come quella di IoE comportano e fermiamoci ai dati quantitativi. Dal 2012 al 2014, sempre fonte Cisco Italia, è stato creato il 90% del totale dei dati/informazioni e di questo 90%, l’80% non è strutturato. Siamo di fronte a un fenomeno di “partecipazione compulsiva” che genera un problema deontologico tutto ancora da esplorare: l’autorevolezza e la sostanzialità, l’utilità e la veridicità delle informazioni che si trovano in Internet. La Rete è accessibile: è un luogo in cui tutti - a qualsiasi o a nessun titolo - possono produrre informazioni. L’incommensurabile quantità di dati prodotti e diffusi genera l’illusione del sapere, dando vita a un meccanismo di acquisizione a livello superficiale, che legittima il cosiddetto “pensiero breve”. Se è un dato di fatto che IoE migliorerà gli standard della qualità della vita, è altrettanto inconfutabile che saremo subissati da informazioni “rumorose”, che ci costringeranno ad essere destinatari di imput informativi senza avere il tempo e la possibilità di riflettere e comprendere quel che leggiamo e viviamo.

Tutto ciò sta generando anche un altro fenomeno: la non cultura intesa come assenza – o indifferenza – di spirito critico e incapacità di capire quel che accade intorno a noi, dandoci l’illusione di avere a portata di click qualsiasi informazione di cui abbiamo bisogno, in qualsiasi momento, quando riteniamo di doverla prendere. Prendiamo e “catturiamo” fermandoci ad una riflessione veloce, a un “pensiero breve” che, grazie alla rapidità e alla tempestività di Internet, dilaga e si rafforza. In un mondo globalizzato, sovranazionale e quindi molto complesso, il linguaggio è diventato sintetico, impoverito, lontano da qualsiasi argomentazione razionale. Prevale la velocità dell’incameramento di informazioni e dati, a beneficio della contrazione del sapere, della non conoscenza. Il sociologo Carlo Bordoni, in un articolo scritto per il Corriere della Sera del 27 gennaio 2013 scrisse: “…. il sapere complessivo è cresciuto a dismisura nell’ultimo mezzo secolo, diventando conoscenza globalizzata. Ma proprio la vastità del sapere rende difficile sopportarne il peso.…. L’uomo si è affidato alla tecnologia delegandole il compito di immagazzinare le conoscenze e restituirle al momento opportuno. Questa rinuncia… porta a diminuire le esigenze cognitive, ad accontentarsi di un sapere minimo… nella consapevolezza che tutto il resto – ciò che non si sa – è comunque conservato da qualche parte, a disposizione”.

Ma è proprio così? Abbiamo un sapere immenso a disposizione che possiamo prendere quando ne abbiamo bisogno e quando vogliamo? Lo scrittore Aldo Nove, su Italialibri.net, nel marzo del 2002 dichiarò: “C’è veramente tutto su Internet. Si tratta del rapporto tra quantità da una parte, e cultura e identità, dall’altra. Le informazioni sul mondo che poteva ricevere un contadino 700 anni fa, nell’arco della sua vita, sono meno di quelle che possiamo avere noi in un giorno. Su Internet c’è molto più di qualunque cosa uno (individuo) possa immaginare. Quanto ci viene fatto vedere, la disponibilità dirappresentazioni che abbiamo mi sembra che superi proprio il livello di tolleranza. È una specie di realtà al cubo, c’è tutto e infinitamente più di tutto e infinitamente più di tutto di tutto. È un incubo in questo senso, cioè, troppo ….”.

Il tema quindi sembra essere: il sapere democraticamente disponibile in Internet è autorevole? È autentico? Ha fonti attendibili e comprovate? È fonte di informazione vera e non realtà inventata? È stato fatto un esperimento “artigianale” sia per approfondire che per verificare l’attendibilità di una dichiarazione. Oggetto della ricerca: quando e in quale contesto Eric Schmidt, amministratore delegato di Google dal 2001 al 2011 abbia dichiarato: “Internet è la prima cosa che l’umanità abbia costruito che l’umanità stessa non comprende. Il più grande esperimento di anarchia che sia mai stato fatto.” Ad una ricerca in Rete per parole chiave, i cui risultati sono stati quantitativamente rilevanti, non è emersa alcuna data, né – cosa più importante per contestualizzare e comprendere il significato di quell’affermazione - in quale occasione e davanti a quale pubblico sia stata argomentata. La frase di Schmidt è citata come frase storica da mille fonti, decontestualizzata dall’autore e dalla temporalità, diventata verità nella memoria collettiva digitale. Non è stato smentito che i programmatori di Google siano riusciti ad elaborare algoritmi in grado di pilotare e selezionare le ricerche a seconda dell’utente. Una selezione determinata dal numero di parole chiave usate solitamente da un navigatore dal proprio computer, allo scopo di produrre ricerche sempre più “personalizzate”. Se si esamina il problema da un’ottica diversa, la sofisticata “personalizzazione” degli algoritmi è un modello “non aperto” di diffusione “controllata” del sapere digitale. Derrick De Kerkhove, sociologo belga, autore della teoria dell’Intelligenza Collettiva, in un’intervista rilasciata nel (lontano) 1998 a La Repubblica, disse: “Una vecchia battuta di Molière in “Les femmes savantes” recita in questo modo: “Un gentiluomo è qualcuno che sa tutto senza avere imparato niente”. Penso che con Internet, con il Web e con l’accesso che abbiamo a questa intelligenza collettiva, a questa base cognitiva, siamo tutti dei gentiluomini. Possiamo avere accesso a tutto senza avere imparato mai niente.

Ciò è divertente, fa parte del piacere di appartenere della nostra epoca, di essere legati a questa formidabile memoria collettiva”. Senza voler dar voce ai detrattori tout court, all’unico scopo di dimostrare l’importanza in questo frenetico mondo digitalizzato della necessità del pensiero critico, si citano due altre frasi di Umberto Eco, la prima pubblicata nella raccolta La bustina di Minerva nel 2000, la seconda all’Università di Torino, a giugno del 2015, in occasione della cerimonia in cui è stato insignito della laurea honoris causa in “Comunicazione e Cultura dei media”: “Questo è il bello dell’anarchia di Internet. Chiunque ha diritto di manifestare la propria irrilevanza”. “La tv aveva promosso lo scemo del villaggio rispetto al quale lo spettatore si sentiva superiore. Il dramma di Internet è che ha promosso lo scemo del villaggio a portatore di verità”.


IL RUOLO DELLA FORMAZIONE

In questo contesto di straordinaria ed epocale rivoluzione, la formazione - intesa quale attività di perfezionamento, acquisizione di modelli e di diffusione del sapere - ha un ruolo estremamente centrale: far convivere l’innovazione tecnologica con il pensiero critico, con la capacità, cioè, di sintetizzare ricerca, analisi ed elaborazione. Imparare a discernere tra informazione, notizia, commento, messaggio subliminale, messaggio strumentale, falso messaggio. In altri termini: comprendere la differenza tra contenuto e contenitore, vigilare sui rischi che gli strumenti digitali, se non ben gestiti, possono produrre in termini di falsa conoscenza e per un’azienda, di inquinamento dell’immagine e, conseguentemente, di danno economico. Il futuro è una grande scommessa: migliorare le conoscenze e le competenze utilizzando strumenti e tecnologie che sembrano essere finalizzati ad appiattire riflessioni ed analisi. Se è vero che, come ha scritto nel 1999 Richard Stallman, nell’Enciclopedia Universale Libera e le risorse per l’apprendimento: “Il World Wide Web ha le potenzialità per svilupparsi in un’enciclopedia universale che copra tutti i campi della conoscenza e in una biblioteca completa di corsi per la formazione”, il futuro vede sempre più i formatori come “guide” per imparare a cercare, verificare e gestire informazioni e dati attraverso un esercizio sofisticato di analisi, strategie ed obiettivi. Un esercizio che va applicato su tutti i modelli e per tutte le finalità della formazione, attraverso percorsi in cui l’intuito e la capacità di riflessione e il pensiero critico sono valori inalienabili. Al saper fare, occorre premettere il saper analizzare, il saper comprendere, il saper elaborare. “Imparare è un’esperienza; tutto il resto è solo informazione.” Parola di Albert Einstein.


ULTERIORI INFORMAZIONI?

CONTATTACI

RICHIEDI INFORMAZIONI

Richiedi un contatto rapido
Nome e cognome sono obbligatori
Inserisci il tuo indirizzo email in formato corretto
Il testo del messaggio è obbligatorio
Privacy Autorizza il trattamento ai dati personali

Privacy

FORMAPER è l’azienda speciale istituita dalla CCIAA di Milano (di seguito denominata “Formaper”), che si occupa dello sviluppo della piccola e media impresa della provincia di Milano attraverso programmi di formazione professionale, manageriale e imprenditoriale, attività informative e di assistenza tecnica e di supporto allo sviluppo economico-territoriale. Formaper, pertanto, offre servizi finalizzati: i) alla realizzazione di iniziative di orientamento all’imprenditorialità e al mercato del lavoro verso i giovani e in generale nella società e a favorire una cultura positiva verso l’imprenditorialità; ii) iniziative di informazione e orientamento per gli aspiranti imprenditori, anche attraverso iniziative di formazione e assistenza tecnica verso creatori di impresa; iii) iniziative di formazione e assistenza tecnica verso i piccoli imprenditori, per favorire lo sviluppo di imprese già avviate; iv) programmi di formazione e stage per i giovani, imprenditori e manager dei Paesi europei ed extraeuropei con finalità di conoscenza e scambio del patrimonio economico e tecnologico italiano; v) programmi di assistenza tecnica all’imprenditorialità nei Paesi in transizione e in ritardo di sviluppo che, utilizzando il know-how Formaper, favoriscano la diffusione del modello dell’imprenditorialità milanese nel mondo; vi) attività di intermediazione e riqualificazione dei lavoratori, in relazione ai fabbisogni di personale delle PMI milanesi (art. 1 comma 2 della L. 30/2003 e della normativa vigente in sede regionale sull’accreditamento al lavoro). La presente informativa descrive le modalità di gestione del Portale, accessibile agli utenti al seguente nome di dominio: http://www.formaper.it/ di cui è Titolare Formaper e delle varie attività di trattamento di dati personali dalla stessa realizzate, con specifico riferimento al trattamento dei dati personali dei navigatori che vi accedono e che interagiscono con lo stesso. Si avvisa l’utente che Formaper fornirà alcuni dei suoi servizi, presenti all’interno di questo Portale, solo dopo l’avvenuta registrazione attraverso la compilazione di moduli predefiniti e la loro approvazione on line.L’informativa non è da ritenersi valida per altri siti web eventualmente consultabili tramite i link presenti, di cui Formaper non è in alcun modo responsabile. Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13 d.lgs. 196/2003 Formaper, che gestisce il presente Portale, intende descrivere in modo accurato le modalità del trattamento dei dati personali degli utenti dello stesso e fornisce, inoltre, una informativa ai sensi dell'art. 13 del Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 (“Codice privacy”) relativamente ai vari servizi offerti e alle proprie attività che comportano in ogni caso un trattamento di dati personali. A tal fine, si informano gli utenti che a seguito della consultazione, registrazione o interazione con questo sito possono essere trattati dati relativi a persone fisiche identificate o identificabili. Il trattamento dei dati personali avverrà presso la sede di Milano, Via Santa Marta n. 18 e/o di soggetti appositamente nominati responsabili e/o incaricati del trattamento mediante strumenti automatizzati per il tempo strettamente necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti. Il trattamento dei dati personali potrà riguardare tutte le operazioni indicate all’art. 4, co. 1, lett. a) del Codice Privacy. Alcuni dei trattamenti potranno essere effettuati anche da soggetti terzi, in qualità di titolari (o co-titolari) autonomi del trattamento. Attraverso il presente sito web e le varie attività istituzionali prestate da Formaper vengono effettuate diverse tipologie di raccolta dati: a) raccolta necessaria e automatica dei dati del navigatore necessari all’interazione con il sito web; b) raccolta e trattamento dei dati degli interessati per lo svolgimento dell’attività istituzionale camerale e/o promozionale come l’organizzazione di eventi, corsi di formazione o convegni (anche in collaborazione con soggetti esterni quali la CCIAA di Milano o altre Aziende Speciali della stessa), attraverso il presente sito web istituzionale o moduli cartacei compilati e sottoscritti dagli interessati; c) trattamento correlato alla raccolta di dati, immessi volontariamente dal navigatore tramite registrazione ai servizi on line, attraverso la compilazione degli appositi form elettronici predisposti all’interno delle pagine del sito (es. newsletter), ovvero attraverso l’invio di e-mail agli indirizzi indicati per contattare Formaper o singoli uffici della stessa oppure per dare riscontro alle richieste di informazione degli interessati; d) iscrizione al servizio di newsletter e invio di comunicazioni istituzionali o promozionali da parte di Formaper, effettuate mediante sistemi automatici di elaborazione delle informazioni, finalizzati al miglioramento della comunicazione con l’utenza, nonché per informare periodicamente le imprese, i professionisti e i privati sulle iniziative attivate da Formaper. e) trattamento correlato alla ricezione e gestione dei C.V. volontariamente inviati dagli utenti o espressamente richiesti da Formaper per finalità correlate alla possibile instaurazione di un rapporto di lavoro/collaborazione; f) eventualmente effettuare indagini anonime e/o statistiche finalizzate allo svolgimento da parte di Formaper dell’attività istituzionale di promozione, monitoraggio, studio e analisi del sistema imprenditoriale e del contesto socio-economico, locale e generale. I dati personali dell’interessato saranno trattati da Formaper con procedure automatizzate e/o manuali solo per gli scopi per i quali sono raccolti (invio della newsletter e comunicazione istituzionale / promozionale) e per il tempo strettamente necessario per effettuare il servizio (tali dati verranno immediatamente cancellati qualora l’interessato revochi la propria registrazione e, in ogni caso, i dati non verranno comunicati o diffusi a terzi non autorizzati). Eventuali rilevazioni statistiche della navigazione degli utenti all'interno del sito (pagine visitate, pagine scaricate,etc.) verranno effettuate in forma assolutamente anonima e per la sola finalità di miglioramento del sito e dei servizi offerti da Formaper. Formaper, in genere, rivolgendo i suoi servizi a imprese, professionisti, artigiani e cittadini, può trattare dati personali di interessati (persone fisiche identificate o identificabili) per finalità amministrative - contabili e/o istituzionali – promozionali. Alcuni form di registrazione ai servizi previsti nel sito web potrebbero richiedere una specificazione in ordine alla categoria di interessato ricoperta dall’utente (imprenditore, professionista, cittadino, privato, etc.) per adempiere a finalità strumentali alla richiesta inviata dagli interessati stessi per consentire una informazione veicolata sulle aree di interesse. La tipologia di dati personali raccolti e oggetto di trattamento saranno unicamente di natura comune e saranno limitati a quelli contenuti nei vari form presenti sul sito web, in relazione agli specifici servizi offerti da Formaper ed eventualmente dalla CCIAA di Milano e/o dalle sue Aziende Speciali. Per l’attività di mailing e di newsletter, invece, la raccolta e il trattamento di alcuni dati può, in alcuni casi, essere finalizzato alla realizzazione e al compimento di indagini statistiche, ricerche o sondaggi, anche mediante specifiche iniziative o attraverso la compilazione di questionari on line, nonché all’invio di comunicazioni relative ad eventi/convegni, altre iniziative camerali o delle aziende speciali (anche nell’ambito di servizi sviluppati dalla CCIAA di Milano e dalle sue Aziende Speciali). Formaper, infatti, in qualità di Azienda Speciale per la formazione e servizi per l’imprenditorialità della Camera di Commercio di Milano, anche attraverso l’attività di mailing e newsletter, persegue la finalità istituzionale di orientare all’imprenditorialità, promuovere la creazione d’impresa, supportare e incentivare la nuova e piccola impresa, valorizzare l’esperienza acquisita in campo internazionale. I trattamenti connessi ai servizi di questo Portale sono curati solo da personale incaricato del trattamento o da Responsabili del trattamento interni o esterni (es. Digicamere), appositamente nominati. Pertanto, potranno avere accesso ai dati per il perseguimento delle finalità sopra indicate, nell’ambito delle rispettive funzioni o mansioni e, in ogni caso, secondo le modalità e nei limiti di cui ai rispettivi atti di nomina a responsabile o a incaricato, oltre ai legali rappresentanti dell’Azienda e al responsabile per la gestione delle istanze ex art. 7 Codice, il responsabile sistemi informativi (limitatamente all’attività di assistenza e manutenzione sugli strumenti elettronici), i soggetti preposti alle diverse aree e funzioni di Formaper. Per esigenze esclusivamente organizzative e funzionali, abbiamo nominato alcuni responsabili del trattamento dei dati personali degli utenti/interessati al trattamento, per finalità strettamente connesse e correlate alla prestazione dei servizi offerti. Questi responsabili sono stati scelti perché hanno dimostrato di possedere esperienza, capacità ed affidabilità e di fornire idonea garanzia del pieno rispetto delle vigenti disposizioni in materia di trattamento, ivi compreso il profilo sulla sicurezza dei dati. I responsabili effettuano il trattamento dei dati personali degli interessati al trattamento operando secondo le istruzioni impartite da Formaper. Periodicamente si verifica che i responsabili abbiano assolto puntualmente i compiti loro affidati e che continuino a prestare idonee garanzie del pieno rispetto delle disposizioni in materia di protezione dei dati personali. Allo stato attuale, alcuni responsabili esterni del trattamento dei tuoi dati personali sono: • Digicamere S.c.a.r.l., per il trattamento dei dati necessari ad eseguire le attività di sicurezza ed assistenza informatica, nonché per la realizzazione e gestione di pacchetti e strumenti informatici; • InfoCamere S.p.A., per il trattamento dei dati con riguardo ai servizi Gestione Data Center (servizio di hosting sistemi informativi); L’elenco aggiornato di tutti i Responsabili del trattamento interni ed esterni è disponibile presso la sede del Titolare; per avere a tale elenco è possibile scrivere al seguente indirizzo e-mail:privacyformaper@mi.camcom.it. I dati personali forniti spontaneamente dagli utenti che inoltrano richieste di informazioni o di invio di materiale informativo o proposte di varia natura sono utilizzati al solo fine di eseguire il servizio o la prestazione richiesta e riscontrare il messaggio; possono essere comunicati a terzi nel solo caso in cui ciò sia a tal fine necessario e previa informativa all’interessato. Ad eccezione dei dati di navigazione che non vengono conservati oltre una settimana dalla raccolta, gli altri dati verranno conservati in coerenza con lo scopo per il quale sono stati conferiti e comunque nel rispetto della normativa vigente. Nel rispetto di quanto previsto dall’art. 11, co. 1, lett. c) Codice, i dati personali saranno aggiornati in seguito alla segnalazione dell’Interessato, in congruità con quanto previsto dall’art. 7, co. 3, lett. a) Codice. L’invio di comunicazioni via mail agli indirizzi comunicati con l’iscrizione alla newsletter potrà continuare fino a quando l’utente chiederà la cessazione di tale trattamento, inviando una mail in tale senso, al seguente indirizzo: privacyformaper@mi.camcom.it. L’utente è libero di fornire i dati personali riportati nei moduli di registrazione presenti sul sito per aderire ai servizi erogati da Formaper. Alcuni dati personali richiesti, tuttavia, sono obbligatori in quanto indispensabili per poter erogare i servizi on line o inviare la newsletter. Il loro mancato conferimento comporta l’impossibilità di ottenere il servizio o quanto espressamente richiesto. I dati personali del navigatore, trattati dalla stessa Formaper con procedure automatizzate e/o manuali solo per gli scopi per i quali sono raccolti e per il tempo strettamente necessario per effettuare il servizio, verranno immediatamente cancellati qualora l'interessato revochi la propria registrazione ai servizi o eserciti successivamente i diritti di cui all’art 7 d.lgs. 196/2003. I dati non verranno diffusi a terzi, se non in forma aggregata e anonima. Si ribadisce che la presente informativa non si riferisce ai trattamenti effettuati tramite altri siti partner di FORMAPER (es. altre Aziende Speciali, etc.), a cui l’utente potrà accedere mediante link o banner (in home page o nelle pagine interne). Per tali trattamenti dovrà essere fornita, da parte dei rispettivi Titolari, autonoma informativa. Si precisa, in particolare, che i trattamenti sui dati conferiti accedendo a siti di terzi, raggiungibili mediante i link pubblicati sul sito, sono effettuati da soggetti diversi da Formaper. L'interessato ha diritto di ottenere in qualsiasi momento la conferma dell'esistenza o meno dei dati, di chiederne l’origine, la cancellazione, l'aggiornamento, l'eventuale rettifica, di opporsi al trattamento per motivi legittimi o nel caso di utilizzo dei dati per invio di materiale pubblicitario istituzionale o per il compimento di indagini/sondaggi (art. 7 d.lgs. 196/03) scrivendo a FORMAPER, Via Santa Marta n. 18 – 20123 Milano oppure semplicemente inviando un fax al numero + (39) 02.8515.5290 o una e-mail al seguente indirizzo privacyformaper@mi.camcom.it. Si prega di indicare nell’oggetto della comunicazione: “Richiesta ex art. 7 D. Lgs. 30 giugno 2003, n. 196 – Codice in materia di protezione dei dati personali”. Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, l'uso illecito, l'accesso non autorizzato o trattamenti non consentiti o non conformi alle finalità della raccolta. Titolare del trattamento è FORMAPER, con sede legale in via Santa Marta n. 18 -20123 Milano, C.F. 97425530157 – P.IVA 05121070964. Luogo di trattamento dei dati I trattamenti connessi ai servizi web di questo sito hanno luogo presso la sede di Formaper e sono curati solo da personale tecnico degli uffici incaricati del trattamento, oppure da eventuali incaricati di occasionali operazioni di manutenzione. Nessun dato derivante dal servizio web verrà comunicato o diffuso. Tipi di dati trattati Dati di navigazione I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet; si tratta di informazioni che non sono raccolte per essere associate a interessati identificati, ma che per loro stessa natura potrebbero, attraverso elaborazioni ed associazioni con dati detenuti da terzi, permettere di identificare gli utenti (in questa categoria di dati rientrano gli indirizzi IP o i nomi a dominio dei computer utilizzati dagli utenti che si connettono al sito, gli indirizzi in notazione URI -Uniform Resource Identifier - delle risorse richieste, l’orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server ed altri parametri relativi al sistema operativo e all’ambiente informatico dell’utente). Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull’uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento e vengono cancellati immediatamente dopo l’elaborazione. I dati potrebbero essere utilizzati per l’accertamento di responsabilità in caso di ipotetici reati informatici ai danni del sito. In ogni caso i dati sui contatti web non persistono per più di sette giorni. Si precisa che i dati di navigazione potrebbero essere usati per l’accertamento di responsabilità in caso di eventuali reati informatici ai danni del Portale di Formaper, conformemente alle procedure vigenti presso le Autorità competenti. Dati forniti volontariamente dall’utente L’invio facoltativo, esplicito e volontario di posta elettronica agli indirizzi indicati su questo sito comporta la successiva acquisizione dell’indirizzo del mittente, necessario per rispondere alle richieste, nonché degli eventuali altri dati personali inseriti. Specifiche informative verranno progressivamente riportate o visualizzate nelle pagine del sito predisposte per particolari servizi a richiesta e nelle comunicazioni elettroniche inviate da Formaper. E’ necessario precisare che i trattamenti effettuati tramite le diverse pagine del Sito riguardano unicamente dati personali comuni: si invita, pertanto l’utente a non inviare con le proprie missive dati idonei a rivelare l’origine razziale ed etnica, le convinzioni religiose, filosofiche o di altro genere, le opinioni politiche, l’adesione a partiti, sindacati, associazione od organizzazione a carattere religioso, filosofico, politico sindacale, nonché i dati personali idonei a rivelare lo stato di salute e la vita sessuale o di informazioni comunque qualificabili come “dati sensibili” ai sensi dell’art. 4, comma 1 lett. d) del Codice Privacy. In caso contrario, il relativo messaggio sarà immediatamente cancellato. Ciò comporterà l’impossibilità di fornire quanto richiesto. Nel caso in cui si intenda in ogni caso inviare al Titolare dati di natura sensibile (ad esempio un C.V. contenente dati relativi al servizio civile o categorie protette), si prega di inoltrare il relativo messaggio a mezzo fax al seguente numero: + (39) 02.8515.5290 o al seguente indirizzo e-mail:privacyformaper@mi.camcom.it, con specifica dichiarazione di consenso al trattamento dei dati sensibili in esso contenuti. Si avverte che, in mancanza di tale dichiarazione, il messaggio eventualmente ricevuto sarà distrutto. Fermo restando quanto stabilito in relazione ai C.V. contenenti dati sensibili, sarà possibile inviare i C.V. – ove contengano soltanto dati comuni - secondo le modalità indicate nell’apposita sezione del sito internet di Formaper a ciò dedicata. Cookies Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né vengono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi di tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sezione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e svaniscono con la chiusura del browser) è strettamente limitato alla trasmissione di dati identificativi di sessione necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito. I c.d. cookies di sezione, se utilizzati in questo sito, evitano il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti e non consentono l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente. La presente informativa è aggiornata alla data del 09.07.2014